Chris Burkard

Chi è Chris Burkard?

Chris Burkard è un americano artista e fotografo. È conosciuto principalmente per i suoi viaggi e le collaborazioni con i surfisti. Chris adotta un approccio fotogiornalistico per realizzare progetti editoriali, utilizzando più media. È noto per il ottimo uso di luce naturale per catturare momenti umanizzanti.

Cosa più importante, Kris è stato nominato uno dei migliori influencer a livello mondiale. È specializzato in fotografia in luoghi freddi, tra cui Islanda, Isole Faroe, Cuba, India, Russia, Italia, Svizzera, Nuova Zelanda e Norvegia. 

Vita personale di Chris Burkard

Chris Burkard è nato il 12 marzo 1986 a San Luis Obispo, in California. È stato allevato da una madre single, posta. Il suo compagno di classe presentò Chris alla Chiesa mormone che la madre di Chris frequentava da giovane. Chris voleva saperne di più sul chiesa e fu presto battezzato. 

Sua madre sposò il patrigno di Chris quando aveva 12 anni e si unì a una famiglia di cinque persone. Nel 2004, Chris si è laureato presso Liceo Arroyo Grande e iscritto ai corsi di Cuesta Junior College. 

Chris si è incantato con la fotografia e ha iniziato a farla diventare rapidamente il suo hobby preferito. Ha comprato la sua prima macchina fotografica da un'asta di buona volontà per $ 65. Dopo aver girato e sviluppato un intero rullino di diapositive, si è reso conto che la fotocamera non funzionava. Chris ha poi preso in prestito una macchina fotografica dalla mamma della sua ragazza e ha iniziato a sperimentare con diversi fulmini e contesti.

Cresciuto vicino all'oceano, Chris ha sviluppato il suo stile di fotografare paesaggi e diversi sport acquatici come surf, body surf e bodyboard. È passato dalla pellicola alla fotocamera digitale a metà degli anni 2000.

Chris Burkard ha sposato Breanne Burkard nel 2007. Vivono a Grover Beach sulla costa centrale della California e hanno due figli insieme. Due ragazzi Geremia e Forrest Burkard.

La carriera di Chris Burkard

Da adolescente, Chris ha iniziato a scattare foto di surfisti nella sua città natale sulla costa centrale della California. Dopo essere usciti dall'acqua, avrebbe cercato di vendere loro le sue immagini.

Chris Burkard ha continuato come fotografo freelance su progetti sia commerciali che editoriali. In seguito divenne popolare e ottenne la pubblicazione del suo lavoro in oltre 35 nazionali e copertine internazionali. Le sue foto sono apparse sia cartacee che online su riviste come The New Yorker, National Geographic Adventure EandSPN.com e Surfer Magazine. 

Nel 2006, Chris Burkard è stato scelto per un famoso fotografo di paesaggi di grande formato Michael Fatali, le cui immagini del deserto del sud-ovest americano vengono pubblicate frequentemente. Nello stesso anno, Chris Burkard è stato internato presso Rivista Transworld Surf per quattro mesi prima di diventare un assistente editor di foto. All'età di 21 anni, nel 2008, Chris Burkard ha ottenuto una posizione come fotografo senior dello staff presso la rivista Surfline. Allo stesso tempo, ha lavorato in un altro sito globale di previsioni di surf e contenuti, Rivista sull'acqua. Nel 2010, Chris è partito e ha iniziato a lavorare per Surfer Magazine. Ha anche ampliato il suo repertorio artistico, estendendosi al cinema, alla scrittura, all'advocacy e alla conversazione, tra cui un 2015 TED Discorso che è stato visto più di 2 milioni di volte.

Instagram di Chris Burkard

Chris Burkard ha quasi 4 milione di seguaci sulla sua Instagram. Espone regolarmente le sue fotografie artistiche e promuove i suoi prodotti, come i libri. Chris è specializzato in paesaggi, lifestyle, surf, outdoor e viaggi.

Ci sono alcuni suggerimenti che Chris usa quando crea le sue fotografie. L'aggiunta di una persona in primo piano aggiunge una prospettiva. Crea contrasto in come i dintorni sono maestosi rispetto a un essere umano. 

Chris ha condiviso quanto sia importante creare il proprio stile e attenersi ad esso. Trovò qualcosa che gli parlava e lo perfezionò in modo che i suoi seguaci potessero imparare la sua nicchia. 

Nelle parole di Chris, “Abbraccia il mondano”, anche i momenti di viaggio più banali a volte possono fare le foto migliori. Pensa che sia essenziale trovare l'unicità di uno spazio, come le lanterne carine in un ristorante o i cumuli di rocce dall'aspetto strano in montagna.

Il fulmine è un'altra chiave per le sue immagini che rende vivo un soggetto blando. A Chris piace scattare le sue foto la mattina presto o la sera tardi come cose silhouette.

Pensa che sia davvero importante fare il tuo Instagram canale il più rilevabile possibile. Se sei interessato a creare un pubblico, dovresti abbracciare il potere di hashtags come Chris Burkard. 

Premi di Chris Burkard

  • Premio Morro Bay Art Society 2005 - L'Art Center Morro Bay è una delle gallerie più estese della costa centrale della California che espone opere d'arte e fotografie originali di artisti locali.
  • Segui il vincitore del Light Foundation Flame Grant 2006 - Chris potrebbe finanziare un viaggio di surf di sei mesi lungo la costa della California. Le sue avventure in questo viaggio sono state successivamente pubblicate come "The California Surf Project" da Chronicle Books.
  • Red Bull Illume: Vincitore della missione di illuminazione e immagine complessiva 2010 - Questa competizione è ristretta a 50 finalisti. Il loro lavoro viene poi mostrato in un tour mondiale prima di rivelare un vincitore in una grande cerimonia finale. Questa competizione si svolge solo una volta ogni tre anni.
  • Look Between Photo Festival 2010 - Questo festival si è svolto a Charlottesville, in Virginia ed è stato prodotto da Look3.
  • Vincitore del 2° posto del World Open of Photography Open 2012 - Concorso fotografico internazionale. Chris Burkard si è aggiudicato il 2° posto nella categoria Open.
  • Red Bull Illume: finalista di categoria (Spirit) 2013 - Chris è arrivato tra i primi 50 ma non ha vinto.
  • Olympus Pro Photographer Showdown aprile 2013 - Chris Burkard ha vinto il People's Choice Award nel concorso di fotografia di sport d'azione. Faceva parte del World Ski & Snowboard Festival tenutosi a Whistler, British Columbia.
  • Premio PMDA Visionary Photographer, 2016 - Chris Burkard ha ricevuto un premio dai produttori e distributori di fotoimmagini il 5 gennaio 2016 a Las Vegas, NV. Il premio è stato consegnato a Chris, "In riconoscimento della tua visione e creatività nell'offrire modi nuovi ed entusiasmanti per dare vita alle immagini e per aver ispirato un nuovo corso per futuri fotografi dimostrando i vantaggi di catturare territori inesplorati".
  • Un altro famoso fotografo paesaggista australiano, Josh Beames, ha elencato Chris Burkard tra le sue influenze creative.

Libri di Chris Burkard

  • Il progetto Surf California (2010) - Nel 2009, Chris Burkard ha scritto il suo primo libro, The California Surf Project, pubblicato da Chronicle Books. Chris documenta in questo libro i sei mesi di esplorazione del surf lungo la costa della California. Chris Burkard e il suo amico, surfista professionista, Eric Soderquist hanno esplorato insieme un autobus Volkswagen del 1976. Sono partiti dal confine con l'Oregon e hanno guidato fino a Tijuana. Usando l'iconica Pacific Coast Highway come guida.
  • Vieni all'inferno o all'acqua alta: la situazione del popolo dei siluri (2012) - Chris Burkard è stato il fotografo principale che ha documentato l'uscita di un film dell'ambasciatore della Patagonia Keith Malloy. Questo libro fotografico documenta il body surf in tutta la sua bellezza. Il film ha vinto il premio "Miglior fotografia" nel 2011 dal New York Surf Film Festival. Nel 2013, Chris Burkard, insieme agli amici e body surfer Mark Cunningham e Keith Malloy, ha fatto un viaggio nelle città della costa orientale e occidentale per promuovere libri e film.
  • Russia: L'avamposto vol. 1 (2013) - Questo libro è stato realizzato in collaborazione con il regista Ben Weiland. È una combinazione di fotografie di piccolo formato di Chris e racconti scritti da Ben. Documenta il loro viaggio in Russia con i surfisti Cyrus Sutton, Trevor Gordon, Keith Malloy e Dane Gudauskas.
  • Rive lontane (2014) - Questo libro è stato pubblicato da Ammo. È un compendio delle sue opere provenienti da Cile, Isola di Natale, India, Nuova Zelanda, Norvegia, Russia, Caraibi, Alaska, Giappone, Islanda, Messico e Nicaragua. Book sfrutta la fotografia di grande formato per evidenziare ogni luogo. 
  • Il ragazzo che parlò alla terra (2015) - Chris ha scritto il suo libro di racconti in collaborazione con l'illustratore David McClellan. Dreaming Books ha pubblicato questo libro e ha seguito un giovane protagonista che viaggia attraverso la natura selvaggia. È diventato rapidamente il suo libro più venduto. 
  • Alta marea (2015) - Questo libro è stato pubblicato da Mendo ed è una raccolta del suo lavoro dai suoi viaggi più recenti. Contiene anche storie di Michael Kew, Zander Morton e Ben Weiland.

Il setup di Chris Burkard

Chris utilizza i sistemi mirrorless di Sony. Ha usato Canon, Sony e Nikon nella sua carriera, ma ha optato per ciò che crede sia il migliore. I suoi viaggi richiedono una struttura leggera per l'astrofotografia e i viaggi. 

Chris ha dichiarato che usa Sony A7RIV per la maggior parte del suo lavoro. Lui usa LA7SIII per le sue immagini notturne e Astro, ma A7RIV è il suo modello di riferimento per i lavori commerciali. Se vuole diventare super leggero, Chris usa A6500 così come quando si spara in acqua.

Camere

  •  LA7RIV, LA9, LA7SIII, 7DO

Lenti per i suoi A7RIV e A7SIII

  • 16-35 mm f/2.8, 24-70 mm f2.8, 70-200 mm f2.8, 100-400 mm f4-5.6, Sony 200-600 mm, 28 mm f2 con adattatore fisheye, 35 mm f1.4, 55 mm f1.8, Batis 25mm f2, Sigma 20mm f1.4 con adattatore

Droni

  • DJI MAVIC 2 ZOOM, DJI MAVIC 2 AIR e DJI MAVIC 2 PRO

Obiettivo per il suo A6500

  • 10-18 mm f/4, 16-70 mm f/4, Sony 16 mm 2.8 con adattatore fisheye

Treppiedi

  • Treppiede da viaggio Peak Designs

Kit standard 

  • A7Riv 16-35 mm f/2.8, 24-70 mm f2.8 con polarizzatori Polar Pro Quartzline

Kit notte

  • A7SIII con Sigma 20mm f1.4 con adattatore e 35mm f1.4

 Kit da surf

  • Paese: A9 con 100-400 mm f4-5.6 o Sony 200-600 mm
  • Acqua: A7RIV con fisheye Voiigtlander 10 mm 2.0, 55 mm f1.8 e 24 mm 

Quanto guadagna Chris Burkard? Valore netto!

Chris Burkard ha un patrimonio netto stimato di $1.2 milioni. La maggior parte dei suoi guadagni provengono dal suo lavoro di fotografo e Instagram carriera. Guadagna anche dal suo merchandising di stoffa sul proprio sito web.

Chris rilasciato sei libri in totale a partire dal 2021. A Glacier's End, High Tide: A Surf Odyssey, High Tide: A Surf Odyssey, High Tide: A Surf Odyssey, Under An Arctic Sky Photo Book e un libro per bambini che ha creato per i suoi due figli, The Ragazzo che ha parlato alla terra.

Chris ha finito 100 copertine di riviste a suo merito. È anche sponsorizzato da marchi famosi come Sony e Black Diamond

Fatti interessanti su Chris Burkard

  • Il segno zodiacale di Chris Burkard è Pesci.
  • È stato nominato tra i primi 10 social influencer da Forbes.
  • Nel 2009, Burkard è stato assunto da Patagonia, Inc. come fotografo di progetto.
  • Chris usa Gaia GPS in ogni viaggio in bicicletta e in bicicletta. 
  • Consiglia la Sony A6500 come sua fotocamera di riferimento per il suo prezzo e il suo valore.
  • Chris ha collaborato con Mountainsmith per creare quella che secondo lui è la borsa fotografica perfetta per le spedizioni.
  • Il suo primo tirocinio è stato con Michael Fatali, un fotografo paesaggista di grande formato, e ha ottenuto uno stage presso la rivista Transworld Surf, che è stata un'esperienza incredibilmente preziosa.
  • Pensa che la fotografia dell'acqua possa richiedere anni per padroneggiarla.
  • A volte ci vogliono 2-3 anni per pianificare alcuni dei suoi viaggi in luoghi freddi. Si accede sempre all'aspetto più difficile.
  • Il posto preferito in cui ha viaggiato è l'Islanda. 
  • Di recente ha aperto una galleria a Pismo Beach, in California, dove espone molti dei suoi lavori. 
  • Offre un seminario intensivo di un giorno, che si svolge in genere nelle città degli Stati Uniti e un seminario "avventuroso" di più giorni che si trova in genere in ambienti remoti e spesso freddi a livello internazionale.